messapia.it
Il portale che ti aggiorna su tutte le novità nelle province di Taranto Brindisi e Lecce

 

Mottola

Un po' di storia… 
Mottola fu abitata già nell’età del Bronzo (XII - X sec. a.C.). Nel IV secolo a.C. a Mottola vissero delle famiglie agiate: la testimonianza è il ritrovamento di un prezioso anello. I vari casali che erano ubicati nella zona subirono incursioni dei Longobardi, dei Saraceni e dei Bizantini. Per cercare di scampare alle frequenti distruzioni, i sopravvissuti decisero di spostarsi su una collina, dove ora sorge Mottola. Mottola fu feudo di numerose famiglie nobili, tra cui nel 1081 di Riccardo Senescalco; nel 1401 Mottola divenne feudo di Raimondello Orsini, dei Sanseverino, dei Pignatelli, dei Caracciolo. Quest’ ultima famiglia controllò Mottola sino al 1808, quando arrivarono i Borboni.
Da visitare

Chiesa Matrice
Da notare è il patrimonio storico–artistico di questa cittadina. Ne è un esempio la Chiesa Matrice: l’originaria costruzione risale al 1200. La Chiesa subì numerosi ristrutturazioni. Una iscrizione sull’ architrave della porta destra attesta che la Chiesa Matrice fu ampliata nel 1507. Molto bello è il rosone. La Chiesa è divisa in tre navate e custodisce degli affreschi quali “l’Ultima Cena” e “l’Assunzione”. Il campanile è stato dichiarato monumento nazionale nel 1890: è alto 21 metri e risale al XIV - XV secolo.

Cappella del Rosario
I lavori iniziarono nel 1649 e si conclusero nel 1700;

Chiesa dell’Immacolata
La Chiesa viene conosciuta come il “Convento” e fu realizzata nel 1686.

Chiesa del Carmine
La Chiesa fu edificata nel XVII secolo e conserva il dipinto che raffigura la Madonna del Carmine.

Madonna delle sette lampade, cappella di San Nicola, cripta di Santa Margherita,
Nei pressi della masseria Casalrotto si trovano una serie di chiese rupestri: la Madonna delle sette lampade, la cappella di San Nicola, la cripta di Santa Margherita.

Chiese di San Giorgio, di San Gregorio e di Sant'Angelo

   
Vuoi promuovere la tua attività? contatti

Non ci sono strutture o eventi da segnalare
   
Torna al menù Comuni
top della pagina